Wakan Tanka

Wakan Tanka è il Grande Spirito è un concepimento del essere supremo Dio, diffusa particolarmente nelle culture dei Nativi Americani. Dio viene chiamato Wakan Tanka dai Lakota – Sioux, gli Algonchini lo chiamano Dio  Gitchi Manitou da cui il termine Manituismo.  Gli Arapaho lo chiamano Dio  Watan e gli Irochesi lo chiamano Dio Oki, il Manituismo è una concetto simile al Panenteismo. Nel Manituismo sono presenti delle “guide spirituali”, persone dalla comunità come intermediari tra la Terra e la divinità. Nel Manituismo Dio è visto come il Creatore la forza attiva dell’universo, che pervade il cosmo e di cui tutte le cose sono costituite. Secondo le credenze dei Nativi, il Grande Spirito Dio sarebbe vicino alla gente, oltre che il Creatore di ogni cosa sul mondo materiale, e regnerebbe in un Paradiso chiamato “Felice territorio di caccia” “Happy Hunting World”.

non centra niente con il post la Preghiera Lakota, ma lo trovo molto bella per il fatto che è scritto da un bambino

Il capo Dan Evehema, guida spirituale degli Hopi ”Popolo della Pace”, così descrisse il Grande Spirito:

« Per gli Hopi, il Grande Spirito è onnipotente. Egli ci ha insegnato come vivere, lavorare, dove andare e cosa mangiare; ci ha dato semi da piantare e coltivare. Ci ha dato una serie di tavole di pietra, nelle quali soffiò tutti i suoi insegnamenti, al fine di salvaguardare la sua terra e la vita. In quelle tavolette vi erano incisi istruzioni, profezie ed ammonimenti»

Prossimamente parlo anche delle profezie degli Hopi quante somiglianze sono con il credo cristiano, anche loro credono che sono il popolo prescelto da Dio.. Vi auguro una buona e serena giornate con amicizia Rebecca🌻

Annunci

34 thoughts on “Wakan Tanka

  1. Rebe’, l’ispirazione divina e’ in ogni persona sulla Terra. “Dio, tu che hai fatto tutte le cose, tu che hai detto “sia l’uomo,sia la donna” e uomo e donna sono stati creati come te nella immagine; O Divinità’, , tu che hai scelto come i fiori devono crescere secondo il loro seme, e che sei presente in essi, e negli alberi, nella Madre Terra, che voli sulle ali degli uccelli e le sostieni, non respingermi nell’ora del bisogno. Tu, che hai voluto che noi viviamo uniti con tutti gli altri esseri, e che li amassimo, ed amassimo quelli come noi, non respingere la mia offerta,e non negarmi il tuo aiuto o grande Dio. Tu mi conosci,perché’ tu mi ahi da sempre pensato, e mi hai fatto mentre il mondo su di me vegliava; il mio cuore e’ per te chiaro, non respingermi…”- Non e’ da un un salmo biblico, e’ una antica preghiera Inca. Ciao 🙂

    Marghian

  2. Io credo che il Paradiso non sia solo stare in un luogo bello, qui sulla Terra rinnovata, non e’ la Pasquetta dei testimoni di Geova 🙂 ( la parola, certo, vuole dire “giardino recintato” , dalla parola, mi semba iranica, “paradesha” o “paradisha”) . Ma, secondo me..”essere in Paradiso” e’ qualcosa di piu’. E’ esistere proprio… dentro Dio, dove i suoi pensieri eterni saranno anche nostri, come a dire che anche noi saremo onniscienti perche’ *Lui ci trasmette il suo sapere essendo in comunione perfetta con “Lui”. Un po’ come hanno detto alcuni che sono stati in pre-morte: “capivo..tutto”. Chissà, forse davvero non siamo solo corpo e cervello, ma molto di piu’. Speriamo. Bussy Rebe’ 🙂

    Marghian

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...