Lezioni dagli uccelli dei cieli “Aquila”

L’AQUILA GUARDA LONTANO

PIÙ di 3.000 anni fa il patriarca Giobbe affermò che gli uccelli del cielo hanno molto da dirci sull’opera di Dio. I loro comportamenti caratteristici li rendono particolarmente adatti per essere al centro di esempi e metafore. Nella Bibbia molti riferimenti agli uccelli ci insegnano importanti lezioni sulla nostra vita e sulla nostra relazione con Dio. Oggi vi parlo dell’Aquila.. testo e dalla rivista La Torre di Guardia N. 6 2016.

Nella Bibbia l’aquila è menzionata molte volte, e la sua sagoma è ben nota nella Terra Promessa. Dal suo nido posto in alto sulla rupe, l’aquila ‘cerca da mangiare’ e “i suoi occhi continuano a guardare lontano” (Giobbe 39:27-29). Ha una vista così acuta che si dice possa avvistare un coniglio a un chilometro di distanza.

Proprio come l’aquila, Geova può “guardare lontano” nel futuro. Perciò Geova Dio dichiarò di essere “Colui che annuncia dal principio il termine, e da molto tempo fa le cose che non sono state fatte” (Isaia 46:10). Seguendo la guida di Geova possiamo trarre beneficio dalla sua incomparabile sapienza e capacità di prevedere il futuro (Isaia 48:17, 18).

La Bibbia inoltre paragona quelli che confidano in Dio alle aquile: “Quelli che sperano in Geova riacquisteranno potenza. Saliranno con ali come aquile” (Isaia 40:31). Un’aquila sale in volo sfruttando le correnti ascensionali. Quando l’aquila ne trova una, apre le ali e vola in cerchio all’interno della colonna d’aria, salendo sempre più in alto. L’aquila non fa affidamento sulla propria forza per salire in volo e planare per lunghe distanze. In modo simile, chi confida in Geova può rivolgersi a lui, perché Dio promette di dargli “la potenza oltre ciò che è normale” (2 Corinti 4:7, 8).  – fonte La Torre di Guardia N. 6 2016

Con questo post ( poi leggere o ascoltare il articolo intero clicca -> QUI ) vi auguro una bella giornata, a volte e bello leggere i versetti della Bibbia per conoscere meglio nostro Padre nei cieli.. vi abbraccio Rebecca 🌻

Annunci

28 thoughts on “Lezioni dagli uccelli dei cieli “Aquila”

  1. Ciao Rebe’. Ma vai forte! 🙂 MI ricordi me ai miei tempi d’oro, WLS, quando facevo un post -lungo..-, quanto lungo basta vedere i post dell’altro blog, specie p primi. Oggi invece faccio solo post sulle canzoni. Torneranno i bei tempi? 🙂
    Gli uccelli sono fra le creature quelle che maggiormente stupiscono da sempre l’uomo. Ecco perche’ Bibbia e profeti ne parlano, Gesu’ stesso. Ma anche Gesu’ mette al prmo posto l’uomo, e quando dice “guardate gli uccelli nel cielo! Essi non mietono, non raccolgono, eppre Dio li nutre….”. E dice poi:”non valete voi, molto piu’ di loro?”. Anche per la Bibbia, non solo per Darwin, l’uomo non e’ un animale qualsiasi, ed e’ di piu’. Ora facciamo l’uomo, a nostra immagine e a nostra somiglianza, domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo..”. “E sugli uccelli del cielo”. Noi ne abbiamo carpito i segreti, dal sognatore Icaro a Leonardo, dai frateli Wright a Von Braun- i missili per la Luna- , Gli uccelli hanno le piume, noi no, l’uomo e’ un bipede implume. Ma si e’ inventato cappotti, pantaloni e magliettte. E si mette pure le ali, bussy 🙂

    Marghian

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...